Diario di uno scioperato (della fame) – II stagione, giorno 17. Di Saverio Mauro Tassi

Il docente Saverio Mauro Tassi ha ricominciato lo sciopero della fame (il precedente è durato 12 giorni) per chiedere al Ministro Bianchi di rispondere alle istanze presentategli, e per condividere la sofferenza di una popolazione lasciata a casa e discriminata, e quelle del popolo ucraino aggredito dalla guerra.
Ecco cosa ci racconta al diciassettesimo giorno della sua azione.


Leggi qui il Giorno 1 del Diario di uno scioperato (della fame)
Leggi qui il Giorno 2 del diario di uno scioperato (della fame)
Leggi qui il Giorno 3 del diario di uno scioperato (della fame)
Leggi qui il Giorno 4 del diario di uno scioperato (della fame)
Leggi qui il Giorno 5 del diario di uno scioperato (della fame)
Leggi qui il Giorno 6 del diario di uno scioperato (della fame)
Leggi qui il Giorno 7 del diario di uno scioperato (della fame)
Leggi qui il Giorno 8 del diario di uno scioperato (della fame)
Leggi qui il Giorno 9 del diario di uno scioperato (della fame)
Leggi qui il Giorno 10 del diario di uno scioperato (della fame)
Leggi qui il Giorno 11 del diario di uno scioperato (della fame)
Leggi qui il Giorno 12 del diario di uno scioperato (della fame)
Leggi qui il Giorno 14 del diario di uno scioperato (della fame)


DIARIO DI UNO SCIOPERATO
II STAGIONE: L’ATTENDATO ALLA COSTITUZIONE
XVII giorno

Sarà che 17 è un numero sfigato? Ma dai! Stupidaggini. Gli è però che oggi – un po’ già ieri – ho ricominciato a sentire i morsi della fame. D’altronde quando mi reco al bar della mia scuola – Chez Silvà, la migliore barista, almeno di questo universo parallelo – a sorbire un cappuccino e ho sotto gli occhi uno studente che addenta un paninozzo al salame…

Ma, anche quando sono fuori tiro di richiami gastronomici, mi capita che, tra il lusco e il brusco, mi appare – anziché la Madonna (magari! allora sì che farei notizia e potrei perfino sospendere lo sciopero della fame), anziché la Madonna, dicevo, l’immagine di un toast o addirittura di un pollo allo spiedo, l’immagine non solo visiva, ma anche olfattiva e gustativa…

L’unica è concentrare il pensiero su altro. E per fortuna, per distogliermi da immagini culinarie, ho messo molta carne al fuoco… acc!… ci sono ricascato!

Insomma, le cose da fare non mi mancano, anzi le moltiplico, pensarci e impegnarmi è l’unico modo per attenuare le smanie mangerecce. Quindi non ammiratemi e non lodatemi per le mie attuazioni, sono solo un escamotage per attutire il languore dello stomàco (alla Stanlio e Ollio, coppia comica insuperata e forse insuperabile).

Dunque, cosa ho fatto oggi per non pensare ai cibi? (Riforma personale del “Penso dunque sono” di Cartesio: “Non mangio dunque penso”.) Tre lezioni – Nietzsche, Aristotele, Lutero -, un post sulla censura mass mediatica dei provvedimenti antidemocratici di Zelensky, un consiglio di classe con anche studenti e genitori, la scrittura di una lettera da inviare ai consiglieri comunali di Milano per denunciare la penalizzazione dei minorenni senza green pass rafforzato perpetrata dalla S.G.M. Forza e Coraggio.

Ma mi domando e dico! Con che coraggio! E con quale forza? Bella forza prendersela con pochi minorenni! Un vero tradimento del nome stesso di questa una volta gloriosa società sportiva milanese! E in più il suo presidente si chiama Raoul Duca. Vi ricordate Totò? “Dica duca!”. Macché dica e dica, meglio stia zitto: “Taccia Duca!”. Ma sì, ci faccia questo favore. Come ripeteva l’immenso Totò: “Ma mi faccia il favore!”

“Ridere ci rende invincibili, ma non perché vinciamo sempre, anzi semmai il contrario, ma perché non ci arrendiamo mai!” (Frida Kahlo)


AIUTACI: