DAVIDE TUTINO - Resistenza Radicale
6.76K subscribers
477 photos
137 videos
7 files
710 links
Download Telegram
È arrivata. Da questa notte su YouTube gli INVISIBILI... il documentario sulle reazioni avverse da vaccino è stato censurato e rimosso dalla piattaforma.
Motivo? Il documentario, contraddice gli esperti in materia sanitaria dell'OMS..
Lo potete continuare a guardare, scaricare, e fare girare cliccando su questo LINK diretto: https://tinyurl.com/2u6vjxtt

🟡 SEGUICI SU CONSENSO DISINFORMATO
🗞 La Verità • 1 DICEMBRE 2022

📃 "ESIGEVA IL PASS: OSPEDALE SANZIONATO
Il Garante della privacy condanna a versare 30.000 euro il Policlinico Casilino di Roma, che chiedeva la carta verde ai pazienti in attesa di visite, benché non prevista dalla legge
"

📚 Unisciti a STUDI SCIENTIFICI
🔺🔺 ATTENZIONE 🔺🔺 TENTATE TRUFFE 🔺🔺
Girano messaggi privati a nome di un utente che si firma "Davide Tutino - Resistenza Radicale".
ATTENZIONE, è una TRUFFA.

Il nostro è un canale, NON mandiamo messaggi privati!
E quando Davide Tutino deve comunicare usa il suo numero di telefono verso numeri e persone che conosce.

NON date credito all'individuo che si è appropriato della foto e del nome di questo canale,tra l'altro noi la abbiamo cambiata e la ha cambiata pure lui.
Bloccatelo immediatamente.
Se può servire, questo è il suo ID univoco: 5703577348

Grazie!
DAVIDE TUTINO - Resistenza Radicale pinned «🔺🔺 ATTENZIONE 🔺🔺 TENTATE TRUFFE 🔺🔺 Girano messaggi privati a nome di un utente che si firma "Davide Tutino - Resistenza Radicale". ATTENZIONE, è una TRUFFA. Il nostro è un canale, NON mandiamo messaggi privati! E quando Davide Tutino deve comunicare…»
1 Dicembre 2022
OBBLIGO O VERITÀ

Verso Piazza del Quirinale
Sede
della presidenza della Repubblica
e
della Corte Costituzionale.

È attesa per oggi la sentenza
sulla costituzionalità dell'obbligo.

Sarò lì di fronte.

Professor Studente Davide Tutino
https://t.me/davidetutino
Forwarded from C.Li.Va. Toscana
Precisazioni:

- La costituzionalità della norma non comporta il ripristino dell’obbligo per i lavoratori o over 50. L’obbligo è decaduto per effetto del decreto legge da poco emanato.

- L’obbligo vaccinale rimane una scelta politica del legislatore, il che ci conferma che è necessario, per tutti coloro che difendono la libertà di scelta, NON ABBASSARE MAI LA GUARDIA

- La gestione fallimentare della pandemia dei governi Conte e Draghi rimangono un dato di fatto dimostrato ampiamente dai numeri e dalle conseguenze che tutti noi stiamo ancora pagando

- Ignorate i titoli trionfanti dei soliti giornali (legati a una certa parte politica che tutti noi sappiamo bene quanto sia affezionata a provvedimenti ingiusti come questo). La resistenza che tutti noi abbiamo fatto in questi anni è stata faticosa ma necessaria. Nessuno potrà sminuirla o cancellarla.

- Nessuna sentenza o titolo di giornale potrà cancellare le persone danneggiate o decedute a causa del vaccino COVID-19. Per loro e per i loro familiari è necessario non dimenticare mai e continuare a fare INFORMAZIONE e sconfessare le fake news del main stream

Non cambia niente con questa sentenza, il nostro corpo rimane inviolabile e il fatto che la notizia occupi le prime pagine dei giornali conferma solo che siamo tanti e che le informazioni sulla non sicurezza e inefficacia del vaccino hanno ormai raggiunto molte persone. Purtroppo per loro spesso proprio coloro che si sono vaccinati anche con l’inganno degli organi di (dis)informazione.

Staff C.Li.Va. Toscana
T.me/clivatoscana
Media is too big
VIEW IN TELEGRAM
30 novembre 2022

Il comitato di azione non violenta Resistenza Radicale è ricevuto dal console di Russia a Napoli, a seguito della disobbedienza civile messa in atto verso le sanzioni italiane ed europee contro l'Europa stessa e contro la stessa Italia.

https://t.me/davidetutino
“Nella terminologia del diritto penale, il complice è colui che ha posto in essere una condotta che di per sé non costituisce reato, ma che contribuisce all’azione delittuosa di un altro soggetto, il reo. Noi ci siamo trovati e ci troviamo di fronte a individui – anzi a un’intera società – che si è fatta complice di un delitto il cui il reo è assente o comunque per essa innominabile. Una situazione, cioè, paradossale, in cui vi sono solo complici, ma il reo manca, una situazione in cui tutti – che si tratti del presidente della Repubblica o del semplice cittadino, del ministro della salute o di un semplice medico – agiscono sempre come complici e mai come rei.
Credo che questa singolare situazione possa permetterci di leggere in una nuova prospettiva il patto hobbesiano. Il contratto sociale ha assunto, cioè, la figura – che è forse la sua vera, estrema figura – di un patto di complicità senza il reo – e questo reo assente coincide con il sovrano il cui corpo è formato dalla stessa massa dei complici e non è perciò altro che l’incarnazione di questa generale complicità, di questo essere com-plici, cioè piegati insieme, di tutti i singoli individui.
Una società di complici è più oppressiva e soffocante di qualsiasi dittatura, perché chi non partecipa della complicità – il non-complice – è puramente e semplicemente escluso dal patto sociale, non ha più luogo nella città.”

Giorgio Agamben, Intervento alla commissione DU.PRE del 28-XI-2022
ANDREA ZHOK

La sentenza della Corte Costituzionale, al netto delle motivazioni ancora mancanti, non ha sorpreso nessuno, tranne coloro i quali si cullavano ancora nell'idea che il diritto avesse uno statuto autonomo dal potere, dall'egemonia politica, economica, culturale.

Che possa essere auspicabile una separazione dei poteri è uno dei pochi desiderata condivisibili della tradizione liberale, ma che tale separazione dei poteri sussista per il semplice fatto di essere prevista da disposizioni costituzionali, è solo l'ultima delle infinite illusioni liberali.

La decisione della Corte è stata ovviamente politica e pragmatica. Smentire l'operato praticamente unanime del parlamento degli ultimi due anni avrebbe avuto conseguenze pesanti, dunque muoia la ragione, si dissangui la giustizia, e vinca la malafede opportunistica.

E' inutile entrare in una discussione che è oramai umiliante per chiunque non abbia mandato il cervello all'ammasso: l'obbligatorietà del trattamento sanitario cui la popolazione è stata sottoposta non è mai stato giustificabile. Lo si sapeva quando le decisioni sono state prese e lo si sa oggi. Tutto il resto, inclusi i venerabili pronunciamenti della Corte, se non recepiscono questo semplice fatto, sono e restano balle ipocrite.

La lezione da trarne però è semplice e non nuova: il potere fa il diritto.

Perché la Corte ha deciso così? Semplice, perché era conveniente farlo e perché aveva il potere di farlo.

Perché il parlamento che beccava il mangime dalle mani di Draghi ha preso le decisioni che ha preso nel 2021?
Perché gli conveniva farlo e aveva il potere di farlo.

Perché oggi i nuovi parlamentari continuano a sostenere una politica estera suicida per il paese e antipopolare?
Perché alla maggior parte di loro conviene così, e hanno il potere di farlo.

Qui questioni di giustizia, ragionevolezza, equilibrio, coscienza, scrupolo, sono da tempo morte stecchite.

Siamo in una nuova era, dove l'esercizio del potere cerca e cercherà sempre meno di travestirsi di panni civili, perderà sempre meno tempo a motivare pubblicamente, a scusarsi, a ragionare.

Per tutto questo c'è già a libro paga un intero apparato di pennivendoli, capaci ogni giorno di escogitare un nuovo virtuosismo per spiegare che la guerra è pace, che l'asservimento è libertà, che il privilegio è giustizia, che la patologia è normalità, che la menzogna è informazione, che la disoccupazione è flessibilità, che l'emigrazione è mobilità, che l'ignoranza è competenza, ecc.

E' che è completamente illusorio pensare che ad un certo punto si toccherà il fondo e che quando si tocca il fondo non si può che risalire.
E' completamente illusorio pensare che quando la gente se la vedrà davvero brutta, quando le cose andranno davvero male, quando il mondo andrà davvero a rotoli, allora sì che ci sarà una reazione, allora sì che il Potere tremerà.

Sono balle consolatorie.

Nessun potere cede il passo da solo, nessun potere, per quanto marcio, collassa su sé stesso; e nessuna collezione di rabbie individuali si trasforma magicamente in empito rivoluzionario.

Affinché uno spiraglio, anche piccolo, si apra dobbiamo innanzitutto comprendere bene la radicalità del momento e la dimensione della minaccia epocale.

La convergenza storica tra gli interessi del capitale finanziario sovranazionale e l'incremento esponenziale dei poteri tecnologici a disposizione del miglior offerente crea una concentrazione di Potere unica, inedita, straordinaria.

D'altro canto i soggetti umani che hanno le caratteristiche per occupare le posizioni apicali in questa cornice di potere sono precisamente quelli che vestono con agio i panni della volontà di potenza nichilistica, la cui furia demolitiva viene chiamata "progresso". (Gli "uomini del sottosuolo" - cit. Dostoevsky - sono oggi al potere, sono il potere).

Ciò che possiamo, dobbiamo, fare richiede due passi.
Per avere una possibilità, anche minima, di non soccombere dobbiamo costruire, nutrire, esprimere e sostenere una visione positiva, credibile, strutturata e conferitrice di senso: niente di meno che una visione del mondo. Non bastano più battaglie locali, non bastano più bandiere d'occasione, e non bastano neppure riedizioni immutate di visioni passate. Il primo fronte di battaglia è dunque culturale, filosofico e spirituale.

Il secondo fronte, che deve essere aperto insieme al primo e intrecciarsi con esso, è che va data una nuova consistenza a quel "noi" che è il soggetto finora sottointeso di questa rivolta. Oggi non c'è nessun "noi". Esistono sì molti abbozzi, semi, alcuni germogli, ma nessuna solida pianta che rappresenti proprio quel "noi" che percepisce il potere corrente nella pienezza della sua minaccia.

Affinché questa pianta cresca bisognerà abbandonare molte cose che sono solo zavorra e bisognerà recuperare molte altre cose, rimosse o dimenticate. Bisognerà mettere da parte molte diffidenze, ma anche fare spazio a molta dura sincerità.
Come alla soglia dell'Inferno, anche oggi, tra tutti coloro i quali sentono questa sfida dovremmo dirci che "Qui si convien lasciare ogni sospetto / Ogni viltà convien, che qui sia morta."

ANDREA ZHOK
Dalla Commissione Duprè del 28 Novembre scorso pubblichiamo tre interventi molto importanti:
Ugo Mattei,
Massimo Cacciari,
Giorgio Agamben.

https://youtu.be/QRnrmGVQvYo

Professor Studente Davide Tutino

https://t.me/davidetutino
LA PACE è UN DONO DI VINO
NUOVO IMPORTANTE AGGIORNAMENTO!

Il 30 novembre, Marianna Panico e Davide Tutino sono stati ricevuti al consolato della Federazione Russa a Napoli.

Ecco qui il video!
https://youtu.be/G8Y3JEzQxjY

(Nei commenti i video precedenti della nostra iniziativa nonviolenta e disobbediente, e il COMUNICATO che la spiega.)

Resistenza Radicale - Azione Nonviolenta
🌹resistenzaradicale.org 🌹
Aborti e morti alla nascita, negli USA, negli ultimi 32 anni.

Notare l'aumento degli ultimi due anni.

Perché?

Professor Studente
Davide Tutino

https://t.me/davidetutino